Home / Tendenze  / Tendenze sui Locali  / TRAM E BUS-RESTAURANT: IL PIATTO E’ SERVITO ALL’INTERNO DI UN MEZZO PUBBLICO. LA NUOVA TENDENZA DA NON PERDERE!

TRAM E BUS-RESTAURANT: IL PIATTO E’ SERVITO ALL’INTERNO DI UN MEZZO PUBBLICO. LA NUOVA TENDENZA DA NON PERDERE!

Che la tua attività sia un bar, un ristorante o una gelateria, vi proponiamo alcune stravaganti idee di location uniche in tutti i sensi! Nonostante per molti anni in Italia il chiosco sia stato in voga, in

Che la tua attività sia un bar, un ristorante o una gelateria, vi proponiamo alcune stravaganti idee di location uniche in tutti i sensi!

Nonostante per molti anni in Italia il chiosco sia stato in voga, in particolar modo quello dei gelati, la sua diffusione, come location per le attività ristorative non è stata paritaria a quella degli altri paesi del mondo. Ed è proprio dall’estero che ci arrivano alcune idee TRA LE PIU’ BIZZARRE per aprire il proprio chiosco bar – caffetteria – ristorante.

BUS-RESTAURANT DIRETTAMENTE DA LONDRA: la notizia parte direttamente dal luogo in cui gli autobus sono il simbolo della città, Londra: una culla di idee innovative in termini di ristorazione. IMG_3196Sotto gli archi della stazione Rye Peckham, si trova un brillante autobus rosso a due piani, in cui non potete sperare di farci un giro per la città perché questo particolare bus – giustamente intitolato The Crust Conductor – è un ristorante pizzeria.
Anche se non è un’idea del tutto nuova – già nel 2011 Londra aveva visto nascere il The Big Red Bus Pizza in Deptford – il The Crust Conductor è diventato un posto rinominato per la sua pizza a legna e per la sua atmosfera frizzante. Dotato di un sistema audio che accompagna gli ospiti durante l’intera consumazione, il bus-restaurant londinese, inoltre, permette di servire ben 34 persone sul ponte superiore. Gli abili proprietari hanno saputo ricreare un ambiente accogliente e invitante sul bus, una combinazione di odore di pizza fresca in una location del tutto particolare.

LA CAFFETTERIA-BUS IN CANADA:

bus_caffetteria_7Nel 2012 in British Columbia, Canada, un signore di nome Aleah ha ritrovato un autobus d’epoca a due piani in una discarica, lo ha completamente rimesso a nuovo ed è riuscito a trasformare questo pezzo di storia nella Wild Thyme Coffee House. La caffetteria serve nello spazio adiacente il pranzo e la colazione tutti i giorni, ospita un bar e serve solamente caffè del commercio equo e solidale. Inoltre, la caffetteria serve piatti ricchi preparati con ingredienti locali, tra fresche insalate miste con tanto di decorazioni floreali e macedonie di frutta. Un piccolo angolo di paradiso nato dall’idea di riciclo di una proprietario alquanto creativo.

IL PUB CON IL BUS-PIZZA AL SUO INTERNO A DUBLINO: All’apparenza sembra di entrare in un tipico Pub di Dublino, ma appena entrati nel cortile l’atmosfera cambia totalmente. Ad attendervi è il coloratissimo bus-pizzeria: il The Big Blue Bus. Un bus di due piani all’interno del cortile in cui vengono preparate delle pizze speciali da gustare con una delle ottime birre Irlandesi. Inoltre, il The Bernard Shaw – questo il nome dell’eccentrico pub – ha stabilito una formula pizza+birra a prezzi davvero competitivi. il Pub-Bus-Pizzeria si trova nel quartiere di Portobello, leggermente a sud della zona più frequentata e turistica di Temple Bar, ma è un luogo fantastico, accogliente e sicuramente underground, pieno di bellissimi graffiti sia al suo esterno che al suo interno.

E IN ITALIA? 

tram-ristorante-atmosferaIn realtà anche in Italia abbiamo un esempio simile di mezzi di trasporto pubblici che rappresentano l’anima di un ristorante, ovvero Milano e i suoi tram. I RISTORANTI-TRANVIARI A MILANO in realtà sono due (e siccome funzionano, hanno provato imitatori anche a Roma, Bologna e Torino). In realtà il concetto è diverso da quello londinese e irlandese: i mezzi si muovono e le cene, su prenotazione, sono decisamente di livello e di prezzi alti. atmosfera2-300x200L’ATM ha rimodellato vecchie carrozze del 1928, non più operative, per poter creare un wagon-restaurant itinerante nel centro cittadino. Con i suoi tram (ATMosfera1 e ATMosfera2) si parte per un tour dal cuore della città, a pochi metri dal Castello Sforzesco, per gustarsi non una semplice cena, ma un mix tra i principali monumenti di Milano e le sue ricette, il tutto “condito” in un’atmosfera unica! E ‘ possibile scegliere sia il percorso che il menù, che comprende anche scelte per vegani e vegetariani.

COM’E’ POSSIBILE APRIRE UN RISTORANTE-BAR IN UN MEZZO PUBBLICO FERMO O IN USO?

Sappiamo che la burocrazia in Italia alle volte può essere molto arzigogolata, e spesso più il progetto è innovativo più ci si imbatte in regole complesse. In linea di massima comunque si può fare. Partendo dall’esperienza dei bus/restaurant sparsi nel mondo, vediamo come in Italia si potrebbe aprire un locale, o un chiosco su un mezzo di trasporto, magari pubblico.
Il primo aspetto da tenere bene a mente è quello che sarà necessario pagare un suolo pubblico. Su questo punto dobbiamo fare due distinzioni: possiamo infatti aprire su uno spazio privato, nostro, e di solito i comuni in questi casi non fanno obiezioni particolari salvo che per la visibilità e/o la sicurezza stradale. Se invece, in opposto, vogliamo che la nostra sia una attività itinerante, che viaggia, probabilmente saremo sottoposti alle regolamentazioni sulla somministrazione ambulante e sull’ottenimento delle cosiddette licenze itineranti.
Per adattare un mezzo pubblico come chiosco fisso, potremo sfruttare un bus, un tram o una roulotte come struttura esterna, ma dentro esso dovrà essere costruita, sopratutto nella parte di preparazione (cucina) con i criteri richiesti dalle ASL di competenza. Possiamo immaginare che, non essendoci i giusti rapporti di spazio fra somministrazione e preparazione, ci troveremo a dover gestire un menù piccolo. Come sempre tutto questo saranno le singole ASL a deciderlo, caso per caso, chiedendoci, magari, anche un piano HACCP particolarmente dettagliato.

I vantaggi di questa forma imprenditoriale sono evidenti: basso investimento iniziale (a volte addirittura sui 10.000 euro) e altrettanti bassi costi di gestione, quindi non resta che andare alla ricerca di un mezzo pubblico dismesso!

 

Ti potrebbe anche interessare:

HOME RESTAURANT: LA PASSIONE PER LA CUCINA DIVENTA BUSINESS
PRESTO A MILANO, VEGANZ, IL PRIMO SUPERMERCATO VEGANO CON ANGOLO DA ASPORTO
TENDENZE SUI LOCALI: IL SUCCESSO DELLE INSALATERIE FAST FOOD