Home / Marketing  / Cura del Cliente  / TENDENZE SUL CIBO NATURALI E BIOLOGICHE. Sarà un “YUM” o un “HMMM”?

TENDENZE SUL CIBO NATURALI E BIOLOGICHE. Sarà un “YUM” o un “HMMM”?

Sterling-Rice Group, la più importante compagnia al mondo che si occupa di marketing per aziende vicine al settore del cibo, rivela i risultati delle 10 "tendenze alimentari naturali e biologiche" per il 2014.   BOULDER, Colorado -

sgr-trendsSterling-Rice Group, la più importante compagnia al mondo che si occupa di marketing per aziende vicine al settore del cibo, rivela i risultati delle 10 “tendenze alimentari naturali e biologiche” per il 2014.

 

BOULDER, Colorado – La Sterling-Rice Group (SRG) comunica che, quest’anno, con sempre maggiore interesse, le persone tendono a voler sapere da dove viene il cibo e la sua composizione. I consumatori cercano opzioni che contemplino la salute e il benessere.
Che queste tendenze ci facciano leccare le labbra, o creino una smorfia di disgusto, sono comunque indicazioni da prendere e sfruttare per arricchire i propri menù e coordinare le vostre scelte degli acquisti con le esigenze dei vostri clienti.

Ecco le tendenze sul cibo naturale del 2014 rilevate dalla SRG:

naturalTOP

  1. Viva le Lenticchie: compresa la pasta a cialde, le lenticchie sono ovunque quest’anno, come la ricerca di nuove fonti proteiche di origine vegetale che continua a salire.
  2. Dopo aver mangiato: I consumatori continuano la loro ricerca di prebiotici e probiotici, cobiotici. Gli impianti idraulico sanitari dei nostri corpi ricevono più attenzione che mai. Ora ci sono alimenti il cui obiettivo principale è quello di mantenere l’intestino in forma.
  3. Barbabietole SuperStar: Al di là dei piatti di insalata, le verdure nutrienti vengono utilizzate in tutto, dai succhi di frutta allo yogurt.
  4. Bevi il tuo Grano: Quando si tratta di ottenere la vostra dose giornaliera di cereali integrali, potete lasciare la tazza nella credenza e prendere un bicchiere! I produttori alimentari stanno ora fornendo tutta la bontà del grano in forme nuove e inaspettate, vale a dire, bevande con varie consistenze e gusti.
  5. Il miele che non viene solo dalle api: Con la crescente preoccupazione per lo spopolamento degli alveari in molti paesi del mondo ( il fenomeno viene detto “Colony Collapse” NDR) e il conseguente aumento nel miele proveniente dalla Cina, le aziende alimentari stanno ora usando meno il miele delle api e stanno utilizzando delle nuove formulazioni a base di frutta.
  6. Le aggiunte e coperture proteiche: con le salse e i vari condimenti sono incrementate le statistiche nutrizionali di insalate, pasta e altre pietanze. Questa tendenza viene incrementata anche nel dolce con l’uso del cioccolato e del caramello che sono ricchi di calcio e torte di proteine ​​con salse e glasse varie.
  7. Lasciate che le Mucche siano Mucche: la bistecca Grass-fed, ovvero la bistecca di mucca che ha pascolato solo erba, è una richiesta non più limitata ai ristoranti esclusivi. I consumatori sono ora alla ricerca di prodotti provenienti da mucche “felici” al pascolo, così come è aumentata la richiesta di galline e maiali allevati allo stato brado.
  8. Superfoods Africani: Dai nutrienti snack di frutta di baobab alla foglia di  Moringa (pianta arborea: link wikipedia)  trasformata in snack e il tè di Karkadè, l’Africa è l’ultimo focolaio di supercibi esotici.
  9. Senza OGM: SRG dice che il Progetto OGM-Free, con sigillo di verifica, “è il nuovo distintivo d’onore da visualizzare sul proprio pacchetto.”
  10. La tua dose di alga giornaliera: hai mai preso in considerazione di fare colazione con le alghe? Ora è possibile! Il latte di alghe è il nuovo ritrovato per i latticini non derivati ​​dal latte. Con impressionanti statistiche di nutrizione, la mancanza di ingredienti allergenici, e una storia di produzione sostenibile, è un degno avversario per il prodotto tradizionale.