Chi ha detto che vino, birra e bibite gassate sono le uniche alternative all’acqua da proporre a tavola? Sempre più persone, per motivi di salute o anche semplicemente per uscire dai soliti schemi, scelgono di orientarsi su bevande analcoliche anche al ristorante, senza tuttavia rinunciare a qualcosa di sfizioso che bilanci perfettamente i sapori dei piatti.

I mocktails, dei veri e propri cocktail completamente analcolici, sono la risposta a questa richiesta in costante crescita: nati come aperitivi o long drink adatti anche agli astemi, oggi molti chef li inseriscono nei propri menù per creare audaci abbinamenti con i propri piatti. Un’idea originale che può portare a risultati davvero sorprendenti!

Fantasia, gusto… e zero alcol!

La parola mocktail fonde insieme i termini inglesi mock e cocktail e indica alla lettera una bevanda che “fa il verso” ai cocktail tradizionali. Ma attenzione, non stiamo parlando solo del classico Virgin Mojito: si tratta di vere e proprie creazioni originali, caratterizzate dall’attenta miscela di ingredienti di alta qualità.

Per creare il perfetto equilibrio di sapori puoi usare frutta, verdura, zenzero, tè verde, erbe aromatiche, acqua gassata e tutto ciò che la fantasia ti suggerisce. Il risultato sarà una bevanda che non ha davvero nulla da invidiare ai classici cocktail, ma che al tempo stesso permette di superare a pieni voti l’alcol test. Un esempio al volo? Pezzetti di mela, menta, lime, ginger ale e ghiaccio a volontà!

 

Un cocktail attento alla linea

I mocktail sono diventati uno dei grandi trend del momento grazie non solo ai sapori innovativi, ma anche alle proprietà benefiche per l’organismo. Infatti l’utilizzo di frutta, verdura e spezie permette di ottenere una bevanda dalle alte capacità nutritive, in grado di saziare e rinfrescare senza esagerare con le calorie.

È noto che l’alcol, soprattutto se abbinato a sostanze zuccherine, è un grande nemico della linea: chiunque si sia mai sottoposto a una dieta saprà bene quanto sia difficile trovare un’alternativa light per non dover rinunciare all’aperitivo con gli amici. Inserire un paio di mocktails nel tuo menù permetterà ai tuoi clienti di concedersi uno sfizio senza sentirsi in colpa!

Dall’aperitivo al dolce

Come abbiamo visto, l’idea dei mocktail può essere sfruttata non solo dai locali che offrono aperitivi e long drinks ma anche dai ristoranti veri e propri. Un cocktail analcolico può diventare un’alternativa colorata e stuzzicante al solito prosecco di benvenuto o addirittura accompagnare alcune portate: la fantasia dello chef saprà consigliare abbinamenti in grado di esaltare al massimo le qualità dei piatti, proprio come si è soliti fare con i vini.

Un pranzo estivo e rinfrescante, un piatto fusion e perfino il dessert saranno resi più originali accompagnandoli con una bevanda che ne bilanci il sapore… Il tutto senza una goccia di alcol!

 

Se sei alla ricerca di un’idea per attirare una clientela giovane e glamour, che si reca al ristorante per vivere un’esperienza culinaria diversa dal solito, potrai partire subito con il piede giusto offrendo ai tuoi clienti un invitante mocktail di benvenuto da sorseggiare mentre sfogliano il menù. Per una volta il solito spumante può mettersi da parte!

Valerio Gestri