Home / Eventi  / Ma quant’è Buono! Al via le riprese del nuovo format televisivo presto in onda su SKY e Canale Italia.

Ma quant’è Buono! Al via le riprese del nuovo format televisivo presto in onda su SKY e Canale Italia.

"Ma quanto è Buono" nuovo format televisivo dedicato alla Tradizione della Cucina Italiana. Conduce il Master-chef Simone Falcini, prodotto da FIVE STARS Management in collaborazione con Accademia Italiana Chef. Regia di Enrico Ciampalini.

Ma quant’è Buono!

Si intitola “Ma quanto è Buono” il nuovo programma TV culinario, prodotto dalla FIVE STARS Management e in collaborazione con l’Accademia Italiana Chef, con l’ambizioso obiettivo di far incontrare Tradizione e Innovazione della cucina italiana, due argomenti che ci stanno particolarmente a cuore. La produzione e regia è affidata ad Enrico Ciampalini che ha ideato il format grazie alla lunga esperienza in tv sia dietro che davanti alle telecamere.

L’uscita è prevista entro la fine dell’anno, si vocifera Ottobre, sarà visibile in digitale terrestre su Canale Italia e su SKY.

UN ALTRO PROGRAMMA TELEVISIVO CULINARIO?

Che di programmi televisivi culinari ce ne siano a decine è vero, che ce ne siano abbastanza invece non sembra. Infatti questa tipologia di programmi continua a riscuotere notevoli consensi da parte del pubblico, di tutte le età e a tutte le ore del giorno e della notte. Questo è un sintomo esplicito del gusto del pubblico ed un fattore positivo che coinvolge tutto il settore ristorativo. Infatti gli effetti di questa “attenzione alla cucina” hanno fatto aumentare sensibilmente i consumi di tutto ciò che è legato al mangiare: dalla spesa al supermercato, agli elettrodomestici, al mangiare fuori. Quindi da tifosi di ristorazione professionale quali siamo, ben venga un altro programma tv dedicato alla cucina, specialmente con degli obiettivi così interessanti ed ancora non toccati da altri programmi TV.

La cucina tradizionale italiana a confronto con l’innovazione

TRADIZIONE, una parola spesso dimenticata da molti programmi tv dove si spinge il “cuoco” a innovare a tutti i costi. Ma se la cucina italiana è la più apprezzata del mondo, lo si deve soprattutto ai classici di sempre, quelli legati appunto alla tradizione. E se qualcuno pensa che questi classici siano “banali” allora ci sono degli aspetti della cucina, e del pubblico, che probabilmente non ha compreso. Fare una ricetta tipica in modo esatto è una questione composta da un magico trittico: la ricetta giusta, prodotti giusti, abilità culinaria a 360° (accortezze, ingegno, estetica). Altrimenti come spiegare la fila che si crea nei ristoranti tipici di ogni regione, quelli che fanno i Classici esattamente come devono essere fatti? Ci piace quindi l’idea che il programma di cucina sarà dedicato alle eccellenze tradizionali della cucina italiana, con un attento occhio a valorizzare la tipicità dei prodotti e alla loro territorialità, promuovendo la cucina regionale e il territorio di riferimento.

Cosa sarebbe una ricetta tradizionale senza ingredienti di prim’ordine?
L’Italia è fortunatamente piena di Scrigni di Gusto, prodotti DOP o IGP o STG dal sapore unico, che saranno analizzati e valorizzati nel programma. Questo darà l’opportunità a chi guarda il programma di conoscere produttori, e prodotti, di eccellenza che spesso sfuggono dalle dinamiche della GDO (Grande Distribuzione Organizzata, ovvero i supermercati) e che difficilmente arrivano sulle nostre cucine. In questo caso Ma quant’è Buono è un nome davvero azzeccato per il programma.

Storicità e l’innovazione Gourmet di Simone Falcini

“Ma Quant’è Buono!” ci promette un viaggio attraverso i sapori e gli odori della tradizione culinaria italiana, parlando e facendo vedere passo dopo passo le ricette storiche che hanno fatto grande la nostra cucina, e allo stesso tempo porterà ad una visione più innovativa con delle rivisitazioni “gourmet” di piatti tradizionali, pensate da uno chef d’eccezione: il Master Chef Simone Falcini.

La scelta di Simone Falcini la troviamo azzeccata. Di chef bravi in Italia ce ne sono tanti grazie al cielo, ma la tradizione, prodotti tipici e attenta rivisitazione sono sempre stati i cavalli di battaglia di Simone. Noto per aver curato la cucina di molti ristoranti e dell’Empoli Calcio, chef pluripremiato con una lunga storia di successi alle spalle, Direttore Didattico dell’Accademia Italiana Chef, abbiamo avuto modo di conoscerlo in occasione dell’Italian Show Cooking Contest e anche durante una lezione del suo speciale Corso per Chef. Oltre alla indiscussa capacità culinaria Simone si è dimostrato particolarmente coinvolgente e simpatico, grazie anche a quel suo spiccato accento toscano. Pensiamo possa essere un forte aiuto alla riuscita del programma.

Ospiti in trasmissione

Per rendere ogni puntata speciale sotto ogni punto di vista la produzione ha pensato bene di far intervenire personaggi dello spettacolo, sport e cultura appartenenti al territorio di riferimento. In ogni puntata quindi saranno presenti “VIP” che parleranno della loro interazione con il buon cibo della loro terra e cavalcheranno la bandiera della Grande Tradizione Culinaria Regionale ed Italiana.

logAIC-trasparente

L’Accademia Italiana Chef, un partner per la tutela della Cucina Italiana.

Da sempre l’Accademia si è fatta carico della tutela della nostra cultura culinaria, investendo ogni anno in programmi di informazione e formazione sulla tipicità e sulla salvaguardia della tradizione. Quella di sposare un nome di prestigio e sempre in prima linea sul soggetto è stata una mossa intelligente da parte della produzione.

Nella prima stagione la Classicità Regionale Toscana

La ricetta classica e quella rivisitata verranno fatte passo dopo passo. L’intento di “Ma quant’è Buono!” è quello di far sentire i telespettatori coinvolti nella preparazione ed essere facilmente in grado di riprodurre le ricette. Tutto senza perdere di vista il territorio di provenienza, che per il primo ciclo di trasmissioni sarà dedicato alla Toscana, ai suoi prodotti enogastronomici di eccellenza e di filiera corta, produttori selezionati, curiosità e nozioni su ricette e materie prime note e meno note.

A giudicare dalle immagini del back stage e dai piatti fotografati questo sarà un programma da seguire.

Ringraziamo la FIVE STARS Management per le anticipazioni gentilmente concesse e auguriamo al programma longevità e successo!

POST TAGS: