Home / Tendenze  / Tendenze sul cibo  / L’ORO NERO DI MODICA: QUANDO L’APPARENZA INGANNA

L’ORO NERO DI MODICA: QUANDO L’APPARENZA INGANNA

VISTA E CIBO: UN RAPPORTO STRETTO E SORPRENDENTE Sono numerosi i modi di dire che sottolineano il legame tra vista e cibo: "Non ci vedo più dalla fame" o "si mangia con gli occhi" potrebbero essere

VISTA E CIBO: UN RAPPORTO STRETTO E SORPRENDENTE
Sono numerosi i modi di dire che sottolineano il legame tra vista e cibo: “Non ci vedo più dalla fame” o “si mangia con gli occhi” potrebbero essere alcuni. Ed è proprio sul concetto espresso dal secondo modo di dire che ci vogliamo soffermare.
Il look del cibo, di ciò che mangiamo, piuttosto che di un ingrediente da dover utilizzare nella preparazione o presentazione delle nostre portate è un aspetto importante della tavola e dei suoi piaceri e, da qualche anno a questa parte, possiamo dire che ha guadagnato l’attenzione di numerosi esperti e clienti.
Il Food Porn ne è ad esempio una conseguenza: il neologismo è stato infatti recentemente coniato per descrivere una vera ossessione per il cibo.Letteralmente il significato di Food Porn potrebbe anche essere “cibo da mangiare con gli occhi”. Praticamente consiste nella presentazione su riviste patinate o libri di cucina molto trendy, di fotografie di piatti che alla sola vista ti fanno venire l’acquolina in bocca.

CioccolatoModicano2012-10IL CIOCCOLATO DI MODICA: IL BRUTTO ANATROCCOLO DEI CIOCCOLATI
Ci sono tuttavia varietà di cibi che per il loro aspetto risultano meno appettibili di altri simili. Come la storia del Brutto Anatroccolo, anche quella del Cioccolato di Modica, richiama concetti di apparenza, vista e…inevitabili sorprese. L’oro nero di Modica infatti, considerato il parente più prossimo all’antico cioccolato azzteco, non brilla certo per il suo aspetto: opaco e granuloso sembra un prodotto grezzo lontanissimo dalla lucenti tavolette di cioccolato che più comunemente conosciamo. Anche il sapore può lasciare perplesso coui che lo assaggia per la prima volta. La percentuale di cacao contenuto, superiore al 50%, lo rende infatti amaro al palato di chi ama il cioccolato al latte, mentre può risultare troppo dolce per chi è abitutato a prodotti con percentuali di cacao ancora più elevate.
Non essendo sottoposto alla fase di temperaggio che comporta l’affioramento del burro di cacao in superficie, il cioccolato di Modica presenta una superficie talvolta disomogenea e grezza dovuta alla consistenza dello zucchero che rimane cristallizzato.

CIOCCOLATO DI MODICA: COME LO UTILIZZO IN CUCINA?
Considerato il più digeribile tra le varie tipologie di cioccolato perchè privo di grassi vegetali, lecitina di soia e ulteriori dosi di burro di cacao, l’oro nero di Modica è un prezioso prodotto polivalente: ottimo come dolce, è perfetto anche per la preprazione dei dessert, così come per le portate salate. Sono infatti numerose le ricette che lo contemplano nella preparazione di secondi piatti a base di carne di coniglio o caggiagione, cinghiale ad esempio.