Home / Tendenze  / Tendenze sul cibo  / LO ZENZERO: PROPRIETA’ CURATIVE, USI E CONTROINDICAZIONI

LO ZENZERO: PROPRIETA’ CURATIVE, USI E CONTROINDICAZIONI

Lo zenzero è una spezia dalle molte proprietà che viene impiegata da millenni nelle pratiche orientali che le attribuiscono qualità quasi miracolose. Andiamo ad analizzare le proprietà di questa radice, oramai diffusa anche in occidente,

Lo zenzero è una spezia dalle molte proprietà che viene impiegata da millenni nelle pratiche orientali che le attribuiscono qualità quasi miracolose. Andiamo ad analizzare le proprietà di questa radice, oramai diffusa anche in occidente, che viene utilizzata molto in cucina per insaporire pietanze e dolci.

LO ZENZERO E LE SUE PROPRIETA’
Lo zenzero è composto da più di 300 elementi chimici fra oli essenziali, pectine, fenoli, mucillagini, antiossidanti e ognuno di questi ha un effetto benefico sul corpo.
Ha ottime proprietà digestive, aiuta a velocizzare i processi di digestione, ma può anche aumentare l’appetito, stimolando la produzione di succhi gastrici, grazie a gingerolo, shogaolo e complessi vitaminici A, B6 e K che favoriscono l’assorbimento dei cibi. Il gingerolo contenuto nello zenzero ripristina la giusta acidità gastrointestinale e aiuta a combattere la flatoulenza e il meteorismo; in caso di semplici bruciori di stomaco, l’assunzione di zenzero fresco è utile perché è un antisettico naturale ed ha un potere cicatrizzante che stimola i processi di risanamento dei tessuti. Inoltre è anche un antibatterico che regolarizza l’acidità dello stomaco e contrasta la presenza dell’helicobacter, un batterio responsabile della maggior parte dei bruciori di stomaco, cattiva digestione, reflussi gastrici e gastriti.

pianta realePROPRIETA’ CURATIVE
Impacchi caldi e compresse di zenzero fresco sono molto utili contro i dolori reumatici e dolori muscolari dovuti a strappi, distorsioni e cadute perché lo zenzero ha proprietà decongestionanti, astringenti e coagulanti che favoriscono l’assorbimento del trauma e contrastano l’insorgere dei gonfiori.
Gli impacchi sono utili anche contro ustioni, piccole ferite ed eruzioni cutanee, perché lo zenzero con le sue proprietà lenitive aiuta a combattere l’infezione da herpes, a cicatrizzare le piccole ferite e dà sollievo alle scottature.
• Combatte il mal di denti e il mal di testa grazie ai suoi oli essenziali che contrastano i mediatori delle infiammazioni.
• Essendo un antisettico e antinfiammatorio aiuta a combattere il mal di gola anche nelle sue forme più gravi come faringiti, laringiti e tracheiti; può essere utile assumere zenzero in caso di polmoniti perché decongestiona le vie respiratorie e cura l’infiammazione dei bronchi.
Contrasta la tosse provocata dal raffreddore perché aiuta a sciogliere il muco e può essere assunto anche come coadiuvante negli stati influenzali anche per le sue proprietà diaforetiche: aumentando la sudorazione ha quindi una funzione depurativa contro le tossine.
• È considerato un buon tonico perché facilita la circolazione del sangue e dei liquidi sottocutanei, grazie al gingerolo, uno dei componenti principali di questa pianta che ha proprietà toniche che stimolano funzioni di tutto l’organismo ed è consigliato per gli stati di affaticamento ed esaurimento energetico.
• È un ottimo depurativo e drenante perché contrasta la stagnazione dei liquidi, stimola il sistema linfatico e favorisce l’espulsione delle tossine grazie alla presenza del gingerolo e del shogaolo.
• Ha un apporto calorico molto basso, circa 80 calorie per 100 gr, ed è ricchissimo di fibre, vitamine del gruppo B e Sali minerali che aiutano a velocizzare il metabolismo, riducendo il senso di fame.

CONTROINDICAZIONI
Deve essere usato con oculatezza, senza mai esagerare nelle dosi perché potrebbe sortire effetti contrati a quelli desiderati come: bruciore di stomaco, aumento dei gonfiori all’intestino e relativi gas, stitichezza e potrebbe esasperare ulcere e gastriti anziché alleviarle. La presenza massiccia di gingerolo, infatti, aumenta l’acidità di stomaco. I soggetti intolleranti accuseranno sintomi come. Arrossamento della pelle, prurito ed eruzioni cutanee. Le donne in gravidanza non dovrebbero assolutamente farne uso perché potrebbe essere pericoloso per il bambino in quanto il gingerolo ha anche proprietà abortive. È sconsigliato anche per chi soffre di patologie cardiovascolari in quanto alcuni principi dello zenzero agiscono sulla circolazione sanguigna, sul cuore e sulla pressione.

BISCOTTI DI ZENZERO

images

Ingredienti (Per 20 biscotti circa):
• 200 gr di farina 00
• 300 gr zucchero a velo
• 125 gr di burro
• 10 gr di zenzero fresco
• Un pizzico di sale
• 1 bustina di vanillina
• Un cucchiaino da caffè di lievito

Preparazione:
Preriscaldate il forno a 180°. Nel frattempo, foderate la placca con l’apposita carta.
In una terrina lavorate il burro con una frustina fino a ridurlo a una crema. Incorporatevi lo zucchero, la farina e il resto degli ingredienti poco per volta, diluendo il composto con un filo d’acqua tiepida dovete ottenere una pasta morbida. Incorporatevi lo zenzero grattugiato al momento. Impastate ancora per alcuni minuti.
Stendete la pasta a disco di un centimetro di spessore, ritagliatevi quanti più dischetti potete del diametro di tre-quattro centimetri. Allineateli sulla placca foderata del forno, cuocete per 10-15 minuti. La superficie deve essere leggermente dorata. Ritirate, lasciate raffreddare, servite subito, ma si mantengono anche per alcuni giorni nelle apposite scatole da biscotti a chiusura ermetica.

Chiara Vitale
Pasticcera Professionista
Follow me on Facebook & Instagram